Piattaforme mobili elevabili e prevenzione del rischio

Piattaforme mobili elevabili e prevenzione del rischio

piattaforme-elevabili-prevenzione-del-rischio-kiwitron

Sulle piattaforme mobili elevabili, la sicurezza è spesso una questione di formazione, di contesto e di prevenzione del rischio. Solitamente, i pericoli a bordo delle PLE derivano dall’uso improprio della macchina o da errori umani: in cantiere, nelle aree pubbliche o in strada.

Le cause ricorrenti degli incidenti che si verificano in quota sono le cadute dalla piattaforma, folgorazioni, intrappolamenti, ribaltamenti e collisioni con altri veicoli o pedoni.

Di conseguenza, la corretta delimitazione di un’area di lavoro sicura per lo svolgimento delle attività di sollevamento assume un ruolo fondamentale nella prevenzione degli incidenti e per un'adeguata pianificazione delle attività.

I sistemi di telemetria come il Fleet Management ETS, il monitoraggio dei parametri e l’analisi dello stile di guida, ci aiutano a ottenere informazioni preziose e quindi a:

  • verificare che l’operatore sia stato formato per utilizzare l’attrezzatura,
  • conoscere le condizioni di lavoro ottimali per la PLE,
  • delimitare l’area di lavoro per lo svolgimento delle attività,
  • analizzare come viene utilizzata l’attrezzatura.

Buone pratiche per la prevenzione del rischio sulle piattaforme mobili elevabili

Ci sono una serie di precauzioni che i datori di lavoro possono prendere per prevenire gli incidenti sul luogo di lavoro. 

lista-controlli-piattaforme-mobili-elevabili-fleet manager

Attenzioni particolari per gli operatori

Solo gli operatori autorizzati e formati possono salire sula PLE. Questi devono seguire le norme e i regolamenti di sicurezza applicabili. Ciò è possibile mediante la gestione e il controllo degli accessi da remoto sul dispositivo ETS. 

Inoltre, prima di iniziare ogni turno di lavoro, è buona norma compilare una lista di controlli pre-utilizzo PLE per assicurarsi del corretto funzionamento delle attrezzature di lavoro.

In UK, l’obbligo di formazione agli operatori che utilizzano le piattaforme elevatrici  è stabilito dalla legge. E’ responsabilità degli operatori o degli utilizzatori di completare la formazione per conformarsi alla normativa vigente in materia di salute e sicurezza (e.g. conoscenza dei potenziali pericoli: linee elettriche, ostacoli sopraelevati, problemi di stabilità). 

La compilazione delle check list consente di tenere traccia della valutazione del rischio e dei controlli sull’attrezzatura prima dell’utilizzo.

safe-liting-with-platform-work-in-warehouse-construction

Prevenzione dei rischi e accorgimenti sul campo

Un ulteriore passo è il monitoraggio delle attività in quota. L'obiettivo è quello di cercare di eliminare il rischio di caduta o schiacciamento dell’operatore e di prevenire la caduta di oggetti dall’alto.

Nel settore edile le cadute causano la maggior parte dei decessi sul lavoro. Per prevenire questa tipologia di incidenti sono importanti la supervisione continua delle attività e la verifica del corretto uso dell’attrezzatura. 

Si può inoltre evitare il rischio di folgorazione mantenendo la distanza di sicurezza dalle linee elettriche durante il posizionamento della macchina. In tal caso, la pratica più sicura consiste nel contrassegnare le linee elettriche prima dei lavori.

Un rischio frequente è anche quello di collisione: l’operatore può trovarsi in condizioni di scarsa visibilità e imbattersi in ostacoli di ogni tipo, sia pedoni a terra che ostacoli sopraelevati (es. soffitto). In questo caso, l’impiego di sensori intelligenti per il rilevamento di ostacoli si rivela strategico in termini di prevenzione. 

Infine, la piattaforma deve essere utilizzata da 2 operatori. La presenza di qualcuno a terra che sappia cosa fare in caso di emergenza e come azionare i comandi può evitare lo schiacciamento dell’operatore in quota.

delimitazione-area-di-lavoro-mnonirotaggio-sicurezza-piattaforme

Supervisione dell'area di lavoro

In strada, invece, il rischio di collisione sussiste tra la piattaforma elevatrice e i veicoli che transitano nella zona. Prima dell’utilizzo della piattaforma è obbligatorio delimitare l’area di lavoro, o ADL,  verificando che non ci siano ingombri.

Alcuni studi hanno rivelato che la maggior parte degli incidenti si verifica durante le operazioni di carico e scarico del materiale, perciò è importante svolgere queste operazioni in un’area sgombra da ostacoli.

Oltre alla delimitazione dell'area di lavoro, l’uso di tecnologie per il rilevamento degli ostacoli in ottica di safety risk mitigation (SRM) consente di monitorare l’area di lavoro delimitata, la presenza di eventuali pedoni o altri mezzi. 

Maggiore è il controllo dell’ADL e dell’ambiente circostante, maggiore sarà la capacità dell’operatore di adattarsi al contesto.

Scopri come delimitare l’area di lavoro utilizzando il software di Fleet Management Kiwisat sviluppato da Kiwitron per gestire il tuo parco macchine. 

Piattaforme elevabili e prevenzione del rischio: l'analisi dei near-miss

L'analisi dei near-miss, o incidenti mancati, serve a indagare le cause di rischio e  identificare in anticipo le zone pericolose a terra e in quota. 

Le condizioni alla base del verificarsi di un near-miss sono identiche a quelle che si verificano in caso di incidente e infortunio reale. Per questo, è importante analizzarle. 

Spesso si tende a non segnalare, gestire o analizzare i near-miss per evitare di evidenziare alcune criticità se i lavori sono già in essere. Al contrario, mettere in luce alcune problematiche prima che si verifichi un incidente riduce il costo umano ed economico dell’infortunio.

Per semplificare il processo di rilevamento e analisi dei near-miss, Kiwitron ha la soluzione ideale per le aziende. Sul gestionale Kiwisat è possibile visualizzare le zone critiche e identificare le cause che avrebbero potuto causare incidenti.

Come? L'analisi dei dati raccolti sul mezzo dal dispositivo ETS e dai sensori di rilevamento degli ostacoli a bordo macchina restituisce una panoramica degli eventi che avrebbero potuto causare incidenti.

Per un approfondimento del sistema di rilevamento Kiwi-Eye con intelligenza artificiale nel mondo del sollevamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.