Kiwibat, il dispositivo di Kiwitron per l’analisi completa delle batterie

Kiwibat, il dispositivo di Kiwitron per l’analisi completa delle batterie

kiwibat-analisi-batterie

Kiwitron lancia Kiwibat, il nuovo prodotto per l’analisi completa delle batterie al piombo. Si tratta di un dispositivo che aggrega le funzionalità di tre sensori: sensore di corrente, sensore di temperatura e sensore elettrolita. Lo scopo è quello di rendere la manutenzione e il monitoraggio della batteria operazioni alla portata di mano. Vediamo di cosa si tratta.

Le funzioni dei sensori Kiwibat

Kiwibat è il datalogger per batterie al piombo che aggrega le funzionalità di tre sensori – sensore di corrente, sensore di temperatura ed elettrolita. Il sensore di corrente è interamente prodotto da Kiwitron. Il sistema è già disponibile come soluzione stand-alone e sarà presto in vendita integrato alle funzionalità del sistema di Fleet Management di Kiwitron – il datalogger ETS Advanced accompagnato dal software gestionale Kiwisat. La versione stand-alone è corredata da un’applicazione mobile già disponibile per Android e, nel prossimo futuro, per IOS. 

Grazie all’azione combinata dei tre sensori, con Kiwibat sarà possibile monitorare cicli di carica e di scarica, anomalie nell’uso, cariche biberonate, la presenza di liquidi, la temperatura, le ore di lavoro del mezzo. Inoltre, sarà possibile individuare rapidamente la zona della batteria dove è presente un guasto grazie alla divisione della batteria in quarti, su cui si applica contemporaneamente il rilevamento della tensione.

Il datalogger di Kiwibat garantisce una registrazione e trasmissione dei dati fino a un dettaglio di 10” sulle misurazioni. Può fornire i dati raggruppati per mensilità o semestri, garantendo uno storico di fino a 6 anni di attività. I dati saranno resi disponibili sull’applicazione mobile del dispositivo e sul portale Kiwisat. 

L’analisi dati con Kiwibat

L’app per cellulare è già organizzata tramite filtri di visualizzazione dei dati: filtro anomalie, filtro per data, dettaglio evento. A breve saranno a disposizione anche indici di efficienza e degrado della batteria, per avere sotto controllo la diagnosi del dispositivo in un colpo d’occhio.

Le funzionalità date dall’integrazione con Kiwisat, inoltre, renderanno possibile un’analisi predittiva tramite algoritmi di intelligenza artificiale. Queste funzionalità di analisi dati potranno fornire indicazioni precise sulle prestazioni del dispositivo in un arco di tempo futuro, consentendo la programmazione delle manutenzioni in anticipo o interventi ad hoc, in un’ottica di manutenzione predittiva.  

Grazie alle funzioni di analisi completa e sintetica presenti nella dashboard, l’installazione di Kiwisat rende possibile ottenere un quadro preciso dell’efficienza energetica della flotta aziendale, indicando i problemi che ostacolano i risparmi e aprendo la via a processi virtuosi.

Caratteristiche tecniche 

Un’altra caratteristica innovativa di Kiwibat è costituita da velocità e semplicità di installazione. I tre cavi corrispondenti ai sensori potranno essere inseriti direttamente tra gli elementi della batteria, permettendo l’attivazione del dispositivo sulla macchina in appena un quarto d’ora. Il cablaggio di Kiwisat non deve essere attaccato e staccato con plug e non rischia quindi danneggiamenti.

Kiwisat è multitensione e lavora con un’alimentazione compresa tra i 24 e i 120 V.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *