L’Intelligenza Artificiale può sviluppare una coscienza? Il caso Google

L’Intelligenza Artificiale può sviluppare una coscienza? Il caso Google

intelligenza artificiale google

Un’interfaccia di Intelligenza Artificiale di Google potrebbe aver sviluppato una propria coscienza. È quanto sostiene Blake Lemoine, ex ingegnere della nota azienda californiana impegnato nel progetto LaDMA.

Cos’è LaMDA?

LaMDA (Language Model for Dialogue Applications) è una rete neurale artificiale utilizzata nei campi dell’elaborazione del linguaggio. Questo tipo di tecnologia è costruita per essere in grado di leggere un numero elevato di parole e comprendere le connessioni tra esse.

In altre parole LaDMA è un sistema per la generazione di chatbot, ovvero un software che permette la conversazione tra esseri umani e macchine.

Per questo, tale tecnologia è capace di interagire ed esprimersi liberamente su molti argomenti e rispondere in modo coerente su quanto le è stato richiesto.

Algoritmi di intelligenza artificiale


Algoritmi di intelligenza artificiale

Perché LaMDA è stata definita “senziente”? 

Blake Lemoine era un, ingegnere informatico, lavorava per Google nella sezione Intelligenza Artificiale. Il suo obiettivo era analizzare le capacità e i limiti delle tecnologie di IA intrattenendo con loro delle conversazioni scritte su una pluralità di argomenti.

Secondo quanto riportato dall’ex ingegnere, LaMDA avrebbe iniziato ad esprimere sentimenti, opinioni personali e a discutere di tematiche complesse come fede, paura e morte.

Questo ha portato Lemoine a considerare LaMDA come un soggetto dotato di consapevolezza, sensibilità, opinioni e obiettivi. In altre parole, un essere senziente.

..ma cosa ne pensa Google? 

Certo delle sue conclusioni, Lemoine ha presentato ai vertici dell’azienda un documento definendo LaMDA un soggetto senziente e ha pubblicato gli estratti di alcune  conversazioni. Google ha fermamente respinto le sue teorie e lo ha sospeso a tempo indeterminato per aver violato le politiche di riservatezza.

A questo punto viene da chiedersi se LaDMA sia davvero senziente.

Questa tipologia di sistemi si basa sull’imitazione delle capacità umane – anche quelle più complesse – e sulla simulazione. Tuttavia, se una macchina è in grado di riprodurre risposte tipiche degli esseri coscienti non significa che sia essa stessa dotata di coscienza.

Oggigiorno siamo in grado di produrre algoritmi e tecnologie estremamente avanzate. È questo il caso di LaDMA, un’intelligenza artificiale con elevate capacità di conversazione. Ma per il momento si tratta solo di un buon imitatore.

Scopri i sistemi di Intelligenza Artificiale e le altre soluzioni high-tech di Kiwitron.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *