L’integrazione di Kiwi-eye con il Fleet Management ETS

Smart Industry Solutions

L’integrazione di Kiwi-eye con il Fleet Management ETS

Kiwi-eye, il sistema di prossimità intelligente di Kiwitron, può essere integrato al Fleet Managment ETS, compiendo un passo in avanti in termini di sicurezza e produttività delle imprese.

Com'è noto, può essere definita intelligenza artificiale un sistema che mima o riproduce un'azione umana. In altre parole, l'intelligenza artificiale compie un'azione come se fosse un uomo ad eseguirla.

Come abbiamo visto in precedenza, Kiwi-eye è un sistema di intelligenza artificiale capace di riconoscere pedoni in movimento, persone chinate, di spalle, oppure parzialmente nascoste.

Infatti, Kiwi-eye è un sistema di visione artificiale che replica l'intelligenza visiva dell'uomo. In altre parole, il sistema è ottimizzato per l'individuazione delle persone.

Il pedone viene identificato sul display touch della telecamera con il colore verde, giallo oppure rosso in base alla distanza dal mezzo.

Il sistema è in grado di lavorare in qualsiasi tipologia di ambiente, con un campo di rilevamento che raggiunge i 20 metri. Inoltre, è possibile impostare fino a 3 zone di allarme (Alarm, Warning, Safe) configurabili in base al segnale di marcia del veicolo.

L'integrazione di Kiwi-eye con il Fleet Management ETS consente di estendere alcune funzionalità dell'ETS, ottendendole direttamente sul display touch della telecamera intelligente.

Integrazione Kiwi Eye Fleet Management ETS

Quali sono i vantaggi dell'integrazione di Kiwi-eye con il Fleet Management ETS?

Mediante l'integrazione di Kiwi-eye con il sistema ETS di gestione della flotta è possibile:

  • localizzare i mezzi e monitorare i percorsi;
  • gestire gli accessi;
  • raccogliere tutte le informazioni utili sul mezzo e inviarle al cloud;
  • rilevare i pedoni nell'ambiente di lavoro;
  • rallentare il mezzo solo quando necessario evitando la collisione tra carrello e pedone;
  • far compilare all'operatore le checklist pre-operative prima dell'avviamento del mezzo.

Inoltre, è possibile installare una o più telecamere intelligenti sul mezzo per raggiungere una copertura completa delle zone a rischio.

Integrazione Kiwi Eye Fleet Management ETS

L'integrazione di Kiwi-eye con il sistema ETS consente di raccogliere tutti i dati utili sui mezzi e allo stesso tempo di monitorare l'ambiente circostante salvaguardando la sicurezza dei lavoratori.

Da una parte, la raccolta e l'analisi dei dati è fondamentale al fine di mantenere alti i livelli di efficienza e redditività negli ambienti industriali.

Infatti, i dati vengono raccolti e analizzati dal cloud di telecontrollo mezzi dove è possibile avere una panoramica dei mezzi attivi e inattivi, delle ore di lavoro, dei km percorsi da ciascun mezzo, degli eventuali allarmi e/o anomalie riscontrate durante la giornata.

Dall'altra, Kiwi-eye è un sistema capace di mantenere alti i livelli di sicurezza e produttività nelle aziende.

La telecamera intelligente vede se c'è un pedone nell'area di manovra del mezzo e allerta l'operatore mediante una segnaletica acustica e luminosa soltanto se sussiste il reale pericolo di collisione.

Infine, l'integrazione di Kiwi-eye con il sistema ETS consente di far compilare una lista di controlli sullo stato del mezzo, o checklist pre-operative, prima dell'avviamento del veicolo.

Integrazione Kiwi Eye Fleet Management ETS

Integrazione con il sistema ETS: le checklist operatore

Le checklist operatore sono una lista di controlli sullo stato del veicolo da sottoporre all'operatore prima dell'avviamento del mezzo. E' possibile impostare fino a 30 domande personalizzabili.

Il Fleet Management ETS integrato con Kiwi-eye permette l'avvio del mezzo solamente dopo la compilazione delle checklist pre-operativa obbligatorie da D.Lgs 81/08, noto anche come testo unico sulla sicurezza.

Il sistema chiederà all'operatore di verificare determinati parametri della macchina compilando la checklist sul display touch della telcamera intelligente. Una volta terminata la verifica, il sistema richederà la firma elettronica dell'operatore.

Le checklist e eventuali anomalie del mezzo verranno tutte notificate al responsabile mediante il servizio di messaggistica del sistema in modo automatico.

In caso di anomalie, è possibile impedire l'avviamento del mezzo e procedere con la manutenzione in modo da velocizzare la rimessa in funzione del veicolo.

Industria 4.0 e sviluppi futuri di Kiwi-eye

Kiwi Eye

Kiwi-eye è un sistema capace di evolversi nel tempo al fine di affrontare insieme alle aziende le sfide della logistica.

Inoltre, il sistema consente di registare qualunque evento, correlato all'ambiente di alvoro, che ha causato o potrebbe causare un urto oppure un infortunio (near miss). In tal senso, è possibile ottenere un'analisi delle zone pericolose e gestirle meglio.

Kiwi-eye sarà in grado di svolgere nuovi compiti e di gestire nuove situazioni a seconda della tipologia di ambiente in cui il sistema si troverà ad interagire.

In sintesi, il sistema sarà in grado di:

  • riconoscere carrelli e pedoni;
  • riconoscere la segnaletica.

Per concludere, Kiwi-eye è un sistema intelligente in grado di rivoluzionare i sistemi di sicurezza e di migliorare la produttività delle aziende nelle aree di lavoro.

Infine, kiwi-eye integrato al Fleet Management ETS consente di accedere alle agevolazioni 4.0 sui tuoi mezzi.

Ti abbiamo incuriosito?

Se vuoi saperne di più su come funziona il rilevamento dei pedoni in un sistema di visione artificiale rimandiamo a questo articolo sul Kiwi-eye.

Cosa aspetti? Contattaci per maggiori informazioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *